Storia di Sadr

Sadr riusciva a sentirsi a casa solo quando guardava il cielo. Quel nome strano che le avevano dato al villaggio era quello dell’unico suono che era riuscita ad emettere quando l’avevano trovata. Quasi un sospiro soffocato guardando le stelle. Era una notte di primavera e furono dei pescatori in riva al lago ad accorgersi che qualcosa si muoveva aggrappandosi ai ciottoli lisci sulla riva. Era Sadr che a fatica respirava. Piccola come una bambina di circa due anni ma con un viso diverso, come se in quegli occhi neri così grandi che riuscivano a riflettere le stelle, fossero nascosti anni ed anni di vita. Forse migliaia.

Ed era diventata quasi un’attrazione la bambina che aveva negli occhi il riflesso della stella che stava guardando, non importava che fosse un puntino lontano, nel suo sguardo quella luce brillava. Per questo ora che era più grande preferiva tornare al lago da sola, dove nessuno avrebbe potuto fissare i suoi occhi tranne che la notte.

Doveva pur esserci una via di fuga. Se lì era stata trovata da qualche parte doveva nascondersi il punto esatto per tornare a casa. Per l’ennesima volta stava per tornare a casa dopo avere passato una notte ad attendere un segnale quando improvvisamente dal fondo del lago non lontano dalla riva vide formarsi un mulinello fluorescente e poi qualcosa emerse. Sembrava una lanterna con al centro una sfera azzurra e luminosa. Sadr con molta cautela entrò nell’acqua, non sentiva il freddo ma solo il suo cuore. Poi afferrò la lanterna ed in quel momento fu come risucchiata dall’acqua del lago. Una forza incontrollabile la portava sul fondo ma rimase aggrappata e poi aprì gli occhi. Tutto attorno a lei stava ruotando, il lago era il cielo e sotto di lei c’erano…le stelle. Allora smise di stringere la lanterna e si lasciò cadere nel cielo. E Sadr, stellina smarrita, tornò a casa.

 

(Sadr nota anche come Sadir o Sador  è la seconda stella più brillante della costellazione del Cigno)

(Foto Marco Mincarelli ph- “The glitter arch” Lago Racollo – Abruzzo)

2020-05-14T17:49:48+00:00 May 13th, 2020|Chinina|

About the Author: